In questa sezione
L'organizzazione del sistema universitario italiano
Accademie, Conservatori, Istituti Superiori
Percorsi di alta specializzazione tecnica
Percorsi per la formazione di figure specializzate
Acquisire un titolo di studio lavorando
Tirocinio professionale per l'iscrizione ad albi e ordini professionali
Percorsi professionalizzanti e per l'esercizio di alcune professioni
Esperienze formative in contesti lavorativi
Percorsi per entrare nelle Forze Armate e di Polizia
Erasmus Plus e altre informazioni

Studiare all'estero


Oggi più che mai la conoscenza di almeno una lingua straniera, la capacità di relazionarsi e interagire con altre culture, di sapersi organizzare in modo autonomo e indipendente in contesti diversi da quello in cui si vive sono tra gli aspetti che contribuiscono ad aumentare la preparazione culturale e professionale delle persone e ad ampliare, quindi, le prospettive di lavoro.
 
Realizzare un'esperienza di studio all'estero può rappresentare un'occasione per acquisire e sperimentare competenze linguistiche, comunicative, di autonomia e cooperazione che potranno diventare risorse personali da mettere in gioco nella costruzione della propria carriera professionale.
 
Tali esperienze possono essere attivate già durante il percorso di studi dall'istituzione scolastica o formativa frequentata, con esperienze di scambi o di tirocini formativi attivabili anche grazie a programmi dell'Unione Europea.

Erasmus Plus

Proprio per favorire la mobilità internazionale delle persone e soprattutto dei giovani, la Comunità Europea ha avviato, nel 2014, un programma denominato Erasmus Plus (o Erasmus +) che rende possibili diverse esperienze all'estero nel campo dell'istruzione, della formazione, del lavoro, della cooperazione e persino dello sport.
Erasmus + si rivolge a molte categorie di persone: studenti, apprendisti, docenti, formatori, lavoratori, giovani e adulti, a cui vengono offerte diverse opportunità di studiare, formarsi, acquisire esperienza e fare volontariato in uno dei 28 paesi membri dell'UE, ma anche nei numerosi paesi del resto del mondo, che, in qualità di partner aderiscono alle iniziative messe in campo dal programma.
 
Per ottenere le informazioni su come partecipare alle diverse azioni previste è consigliabile rivolgersi all'istituzione formativa frequentata (istituto di istruzione superiore, ente di formazione, università, Fondazione ITS, etc.) per sapere se e come ha aderito al programma nel periodo della sua vigenza (2014-2020). In generale, infatti, con Erasmus + le candidature individuali non sono ammissibili.
 
A titolo esemplificativo, si segnalano le principali opportunità offerte dal programma per chi sta frequentando un corso di studi o lo ha appena terminato:
 
  • Studenti iscritti a scuole secondarie superiori
    È possibile frequentare una parte dell'anno scolastico (da 2 a 12 mesi) presso altre scuole o organizzazioni europee con cui la scuola ha avviato un progetto Erasmus +, nell'ambito del quale siano stati concordati il programma di studio e il riconoscimento dell'esperienza al rientro in Italia. Gli alunni devono avere almeno 14 anni ed essere regolarmente iscritti alla scuola.
    Nel caso di iscrizione ad un istituto tecnico o professionale è, inoltre, possibile svolgere un periodo (da 2 settimane a 12 mesi) di tirocinio formativo; si tratta di un'esperienza di lavoro e/o di apprendimento all'estero presso imprese o altri contesti lavorativi (organismi pubblici, organizzazioni non governative, etc.), oppure presso scuole o centri di formazione professionale che prevedano modalità di apprendimento in contesti lavorativi. Il tirocinio formativo ha, infatti, come obiettivo principale, quello di creare un raccordo tra formazione e acquisizione di competenze professionali spendibili nel mercato del lavoro.
    A progetti di tirocinio formativo possono partecipare anche giovani neo-diplomati entro un anno dall'acquisizione del titolo di studio.
  • Studenti iscritti a centri di formazione professionale
    È possibile svolgere un periodo (da 2 settimane a 12 mesi) di tirocinio formativo; si tratta di un'esperienza di lavoro e/o di apprendimento all'estero presso imprese o altri contesti lavorativi (organismi pubblici, organizzazioni non governative, etc.), oppure presso scuole o centri di formazione professionale che prevedano modalità di apprendimento in contesti lavorativi. Il tirocinio formativo ha, infatti, come obiettivo principale, quello di creare un raccordo tra formazione e acquisizione di competenze professionali spendibili nel mercato del lavoro.
    A progetti di tirocinio formativo possono partecipare anche giovani neo-qualificati entro un anno dall'acquisizione del titolo di studio.
  • Studenti iscritti a corsi di laurea, di alta formazione artistica, musicale e coreutica, di istruzione tecnica superiore
    È possibile seguire corsi, sostenendo i relativi esami, presso istituzioni europee di livello universitario e praticare tirocini in aziende estere; le due esperienze possono anche alternarsi o ripetersi.
    Alle esperienze di studio all'estero possono accedere gli studenti iscritti a partire dal secondo anno di studi e per una durata da 3 a 12 mesi (24 mesi in caso di programmi di studio a ciclo unico).
    Alle esperienze di tirocinio formativo possono partecipare gli studenti iscritti a partire dal primo anno di studi e anche giovani neo-laureati (entro un anno dal conseguimento della laurea e purché la richiesta e la procedura di selezione abbia luogo prima del conseguimento del titolo), per una durata da 2 a 12 mesi (24 mesi in caso di programmi di studio a ciclo unico).
Ulteriori informazioni possono essere reperite ai siti internet istituzionali di Erasmus Plus:
 
http://www.erasmusplus.it/
https://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/node_it
 
oppure presso le tre Agenzie Nazionali Erasmus Plus che curano i diversi settori in cui si articola il programma: INAPP (Settore Istruzione e formazione professionale)
Corso d'Italia 33 - 00198, Roma
tel. 06 85 4471 – e-mail: erasmusplus@inapp.org

INDIRE (Settore Scuola, Università, Educazione degli adulti)
Via Cesare Lombroso 6/15 - 50134, Firenze
tel. 055 238 03 48 – e-mail: erasmusplus@indire.it

Agenzia nazionale per i giovani (YIA-IT) (Settore Gioventù)
Via Sabotino, 4 - 00195, Roma
tel. +06 37 591201 – e-mail: informazione@agenziagiovani.it
sito internet: http://www.agenziagiovani.it

Progettare gli studi all'estero

Se, una volta acquisiti il diploma o la qualifica professionale, si desidera proseguire gli studi in un altro Paese è fondamentale raccogliere tutte le informazioni necessarie per comprendere il funzionamento e l'articolazione del sistema formativo della nazione scelta e le opportunità formative che questa offre.

Di seguito si segnalano alcuni siti internet che possono facilitare l'orientamento in tal senso:

http://www.eurodesk.it/
sito dedicato all'informazione sui programmi in favore dei giovani promossi dall'Unione Europea e dal Consiglio d'Europa
 
http://ec.europa.eu/ploteus/it
portale della Commissione Europea sulle opportunità di apprendimento nei paesi membri; fornisce informazioni in lingua inglese
 
https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/Main_Page
banca dati della Commissione Europea che fornisce, in lingua inglese, una descrizione dei diversi sistemi educativi dei paesi membri UE e di altri stati europei non UE
 
http://www.isfol.it/euroguidance
sito promosso dalla Commissione Europea e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che raccoglie materiali informativi sulle opportunità di studio, formazione e lavoro a livello nazionale e transnazionale e sui sistemi d'istruzione e formazione dei Paesi europei
 
http://www.euroeducation.net/
guida, in lingua inglese, alle opportunità formative di livello universitario e post-universitario dei paesi europei
 
Il quadro europeo delle qualificazioni per l'apprendimento permanente (EQF) guida alla comprensione del sistema di riconoscimento dei titoli di studio dei paesi europei.



Prosegui con: sezione Verso il lavoroSommario